Assemblea di categoria 2021 – Quo vadis futuro professionale?

ICT

Assemblea di categoria 2021 - Quo vadis futuro professionale?

L’assemblea di categoria era completamente incentrata sul futuro. I membri hanno tra l’altro formulato diversi punti di miglioramento per le negoziazioni CCL, seguito una discussione sull’intelligenza artificiale e adottato una risoluzione sui temi esternalizzazioni e skill change presso Swisscom.

Aline Leitner

Rivendicazioni per le prossime negoziazioni

All’inizio del 2022, inizieranno le trattative per il CCL di Swisscom. Nel 2019 transfair aveva svolto un ampio sondaggio tra il personale da cui sono emersi diversi campi d’azione. L’assemblea di categoria ha ora finalizzato le richieste e conferito alla delegazione ai negoziati un mandato con un obiettivo concreto: migliorare le condizioni attuali ponendo il focus sul tempo di lavoro o sul miglioramento della conciliabilità tra professione e tempo libero.

Anche per le negoziazioni salariali, transfair persegue un obiettivo ben chiaro: il personale di Swisscom, cablex e localsearch ha bisogno di un segno di riconoscenza a livello finanziario.

Elezioni importanti

Come membro del comitato, i presenti hanno votato all’unanimità Marcel Probst, iscritto a transfair da quasi 10 anni. Grazie del tuo impegno!
 
Nel 2022 e 2023 sono in programma altre elezioni: l’anno prossimo la cassa pensioni comPlan cerca cinque persone che rappresentino il personale e decidano sul futuro nel Consiglio di fondazione. Nel 2023 Swisscom eleggerà nuovi rappresentanti del personale, ossia i partner di fiducia dei collaboratori, che raccolgono le richieste e le critiche avanzate da questi ultimi e le difendono nei confronti della direzione. Le persone interessate a questo mandato sono pregate di rivolgersi a robert.metrailler@transfair.ch.

Avanzata dell’intelligenza artificiale

I professori Laurent Sciboz e René Schumann sono stati i protagonisti di un intermezzo arricchente: entrambi «di casa» nel mondo del lavoro digitalizzato, hanno discusso sul possibile impiego dell’intelligenza artificiale sul posto d’impiego e su come questa nuova tecnologia cambierà il nostro modo di lavorare.

Opporsi alla smania di esternalizzazione di Swisscom

Swisscom, beninteso un’azienda elvetica, chiude sempre più sedi in Svizzera e sposta i posti di lavoro all’estero. transfair non ne può più e con la risoluzione «Esternalizzazioni all’estero: transfair esige una posizione chiara dal Consiglio federale» chiede a Swisscom di fermare immediatamente questo approccio privo di strategia. transfair fa pressione anche a livello politico e insieme alla sua co-presidente e Consigliera nazionale Greta Gysin esorta il Consiglio federale a prendere posizione sulla strategia di delocalizzazione adottata da Swisscom.

Il transfair talk all’insegna della penuria di specialisti

 Il 26 gennaio 2022, transfair illustrerà diversi aspetti relativi alla penuria di specialisti nel campo delle TIC. transfair discuterà con esperti del settore su possibili soluzioni, sulle giovani leve nell’ambito delle TIC, sul ruolo del partenariato sociale e sul futuro del settore delle TIC.