Sfide 2015 della categoria Trasporti pubblicci

Sfide 2015 della categoria Trasporti pubblicci © xcid/fotolia.com
25.02.2016

transfair rende forti sempre più collaboratori occupati nel settore dei trasporti pubblici. Nel 2015 abbiamo registrato un'ulteriore crescita dei nostri iscritti e in particolare dei giovani. Anche nel 2016 vogliamo convincere i lavoratori a puntare su un partner forte come transfair. Quest'anno ci dedicheremo soprattutto a «RailFit 20/30». Grazie alle nuove strutture di categoria, riusciremo però a superare anche questi e molti altri compiti. Inoltre, continueremo a sostenere i nostri associati anche in altri ambiti.

«RailFit 20/30»
È aumentata la pressione al risparmio sulla categoria Trasporti pubblici. Le FFS hanno reagito: entro il 2020 intendono risparmiare almeno 550 milioni, entro il 2030 circa 1,75 miliardi di franchi. L'obiettivo dichiarato è di rendere più efficiente ed economico l'attuale sistema ferroviario. In una prima fase, sarà data la priorità alla verifica delle spese generali strutturali in campo amministrativo, all'ottimizzazione nei settori delle costruzioni, dell'esercizio e della manutenzione e di conseguenza all'adeguamento delle strutture nelle divisioni. Nel quadro dei previsti risparmi, entro il 2020 saranno soppressi almeno 900 posti di lavoro – non sono da escludere ulteriori tagli. Le riduzioni di posti d'impiego avverranno nel quadro delle disposizioni CCL. transfair non mancherà di prendere posizione su tutti i progetti. Per non fare aumentare inutilmente l'onere lavorativo dei collaboratori FFS, transfair rivendica misure di formazione e formazione continua tempestive sulla base di una precisa pianificazione delle risorse umane, il che permette di ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro e di trovare buone soluzioni per i diretti interessati. In una seconda fase, che durerà fino al 2030, le FFS intendono impiegare sistemi di automazione e nuove tecnologie, nonché riesaminare le loro offerte. transfair si impegna già ora affinché in un futuro ferroviario, caratterizzato da una crescente digitalizzazione e automazione, i collaboratori possano occupare una posizione di rilievo.

Conclusione delle negoziazioni CCL con la BLS
Le trattative CCL con la BLS sono riprese alla fine del 2015. La conclusione dei lavori è prevista entro giugno del 2016 e il nuovo contratto collettivo dovrebbe entrare in vigore entro il 2017. Nel quadro di questo partenariato sociale pieno di sfide, transfair continuerà ad adoperarsi a favore degli interessi dei suoi associati. L'obiettivo è di aggiornare e sviluppare il CCL attuale al fine di mantenere le vantaggiose condizioni di lavoro e raggiungere miglioramenti puntuali.

Nuove strutture di categoria
In occasione del congresso di categoria 2015, i partecipanti si sono espressi chiaramente a favore della nuova struttura. Ora si tratterà di consolidarla e di eleggere i membri delle nuove commissioni. La creazione di una struttura reticolare permetterà inoltre di soddisfare in maniera più adeguata l'esigenza di partecipazione democratica, ovvero essere più vicini ai propri membri e rispondere meglio e più rapidamente alle esigenze individuali dei nostri associati. È questo l'obiettivo dichiarato di transfair.