Le nuove prescrizioni sulla circolazione dei treni suscitano discussioni

Le nuove prescrizioni sulla circolazione dei treni suscitano discussioni © SBB CFF FFS
24.08.2020

Il 1° luglio 2020, l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha integrato nelle prescrizioni svizzere sulla circolazione dei treni le regolamentazioni sulle comunicazioni vocali STI OPE dell’UE in base alle disposizioni europee. D’ora in poi i singoli numeri saranno comunicati cifra per cifra, il che ha portato a diverse reazioni da parte dei membri.

Questi riscontri indicano che le nuove regolamentazioni sulle comunicazioni vocali possono compromettere la sicurezza dell’esercizio ferroviario e che la produttività può diminuire caso per caso, se, ad esempio, i cantieri sono in ritardo e si rendono necessarie operazioni supplementari. Ritardi nel traffico ferroviario possono essere ulteriori conseguenze.
 
Questo induce transfair a richiamare l’attenzione delle FFS, quale impresa di gestione del sistema, sulle riserve relative alla sicurezza e sulle perdite di produttività di questo regolamento. transfair fa notare in una lettera il possibile impatto negativo del nuovo regolamento relativo alle comunicazioni vocali.
 
Per garantire in ogni momento un esercizio sicuro, quest’ultimo deve essere riesaminato e, se necessario, dovrebbero essere proposti degli adeguamenti alle ferrovie o all’UFT.