FFS Cargo a un bivio

FFS Cargo a un bivio © SBB CFF FFS
09.12.2020

Con grande tensione, FFS Cargo SA sta cercando una strada percorribile al fine di uscire dall’attuale difficile situazione finanziaria e rimettersi sul giusto binario. In questo contesto la compagnia di traffico merci su rotaia si trova sotto forte pressione a causa dei diversi gruppi d’interesse. Massima importanza va attribuita alla chiarezza strategica, di modo che i collaboratori siano informati sulla situazione.

Dal 1° gennaio 2019, FFS Cargo è una società affiliata alle FFS e nel frattempo dispone di partner nel settore dei trasporti su strada che detengono una quota di partecipazione del 35 per cento. A causa della pandemia persistente e di volumi generalmente in calo, per l’azienda si sta delineando una notevole perdita annuale. La Confederazione verserà un contributo unico legato a condizioni. Ciononostante, per gli impegni correnti e le incombenze del futuro mancano i mezzi necessari.

Chiarire la strategia

Quali servizi deve offrire FFS Cargo? In questo caso, transfair desidera che si faccia finalmente chiarezza e si comunichino le prospettive a lungo termine. Per transfair è chiaro che l’obiettivo richiesto dalla Confederazione di un’immediata autonomia finanziaria non è raggiungibile a breve termine. La conseguenza sarebbe un ulteriore colpo di scure sull’offerta e sul personale che deve essere impedito a tutti i costi a tappe intermedie ben ponderate che includono anche obiettivi di trasferimento finanziati possibilmente dalla Confederazione. Anche i nuovi partner devono impegnarsi come promesso, affinché FFS Cargo possa beneficiare di crescenti volumi logistici. Il trasporto merci è tuttora il compito primario di FFS Cargo.

Processo CCL e risparmi

Dopo aver chiarito l’orientamento strategico verso la fine dell’anno, FFS Cargo desidera negoziare con transfair adeguamenti alle condizioni di lavoro. L’attuale CCL, che per transfair rappresenta la base di negoziazione per le trattative, può essere disdetto per la prima volta a fine aprile 2022. FFS Cargo avanzerà con molta probabilità richieste nell’ambito dell’orario di lavoro, al fine di rispondere alle oscillazioni dei volumi di trasporto. Come le FFS, anche FFS Cargo ha inoltre chiesto di adottare misure di risparmio. transfair è pronto ad affrontare questi temi in occasione delle relative trattative.

Trasferimenti di servizi

Nei depositi di Goldau e Briga, il personale di locomotiva svolge tra l’altro corse per FFS Cargo International. A Goldau le fermate dei treni merce diminuiranno gradualmente e il traffico sarà garantito in maniera diversa a causa della NFTA continuata. Anche a Briga verranno a mancare dei servizi, il che avrà effetti sul personale di locomotiva. Al fine di accompagnare da vicino questi cambiamenti e tenere conto delle richieste del personale, è stata indetta una tavola rotonda con FFS Cargo e un gruppo di accompagnamento dei sindacati. Durante questo incontro, si tratterà di mettere a disposizione buone soluzioni di reimpiego per i macchinisti, nel caso in cui nei due depositi fossero inevitabili tagli di posti di lavoro.
Ambiti d'impiego
FFS Cargo AG