transfair accoglie con favore la decisione sulla rete postale

transfair accoglie con favore la decisione sulla rete postale © Die Schweizerische Post, la Poste Suisse, la Posta Svizzera
01.03.2018

Le Conseil national a adopté aujourd’hui la motion 17.3356 « Planification stratégique du réseau d’offices postaux ». C’est un signal fort pour le renforcement du service public. transfair demande l’établissement d’un moratoire contraignant pour la fermeture d’offices de poste, jusqu’à ce que les critères de service public aient été redéfinis et renforcés.

Durante le precedenti sessioni, il Parlamento ha adottato tutta una serie di interventi parlamentari concernenti la rete postale che esprimono il malumore di diversi gruppi nei confronti delle prestazioni offerte dalla Posta in termini di accessibilità, trasparenza e sorveglianza. transfair ha accolto con favore l’adozione della maggior parte degli interventi, in quanto aprono la strada a una revisione della legge sulle poste. Al cospetto di questa situazione, transfair giudica positivo che il Consiglio nazionale abbia approvato la mozione «Pianificazione strategica della rete di uffici postali».
 
La mozione esorta il Consiglio federale a esigere immediatamente una pianificazione concettuale degli uffici postali dalla Posta. Entro un anno, il Consiglio federale deve sottoporre al Parlamento una proposta per rielaborare i criteri del servizio pubblico nella legislazione postale, che devono tenere debitamente conto delle peculiarità regionali e delle disponibilità di mobilità nonché dei diversi gruppi di utenti tra la popolazione.
 
È giusto e importante approvare la mozione, perché devono essere urgentemente ridefiniti i criteri in rapporto all’accessibilità. transfair esige, oltre a ciò, che siano dichiarate anche le ragioni che portano a una chiusura. Solo così sarà possibile mantenere la qualità del servizio pubblico a un alto livello in tutte le regioni. Ma per René Fürst questa ridefinizione di per sé non basta: «Fino a quando non sarà fatta trasparenza e il Parlamento non avrà ridefinito i criteri politici del servizio pubblico per la rete postale, la chiusura degli uffici postali deve essere congelata tramite una moratoria».