Sviluppi diversi, bilancio soddisfacente

Sviluppi diversi, bilancio soddisfacente © Die Schweizerische Post
18.04.2016

Il Consiglio federale ha approvato il rapporto sull'esercizio 2015 concernente le aziende parastatali. La Posta ha raggiunto gli obiettivi fissati dall'esecutivo e presenta un bilancio positivo, malgrado i diversi sviluppi. Le prestazioni del servizio universale (servizi postali e traffico dei pagamenti) sono state di buona qualità e fornite a prezzi equi.

La Confederazione come azionista unico
La Confederazione è azionista unica della Posta Svizzera SA. Gli interessi della Confederazione sono rappresentati dal Consiglio federale, che, tenendo conto dell'autonomia imprenditoriale della Posta secondo l'articolo 3 della legge del 17 dicembre 2010 sull'organizzazione della Posta Svizzera e, in qualità di azionista, riconosce la libertà decisionale del Consiglio di amministrazione riguardo alla strategia e alla linea politica da adottare.  Il ruolo di proprietario della Confederazione è separato, a livello istituzionale, da quello di organo regolatore e di autorità di sorveglianza.

Obiettivi fissati dal Consiglio federale
In virtù dell'articolo 7 LOP il Consiglio federale definisce ogni quattro anni gli obiettivi strategici che la Confederazione intende perseguire come proprietaria della Posta. La Confederazione si impegna così a raggiungere obiettivi coerenti e a lungo termine. La Posta è a sua volta tenuta a informare annualmente il Consiglio federale se gli obiettivi sono stati raggiunti. Anche per le FFS, Swisscom e Skyguide sono stati fissati obiettivi.

Sviluppi diversi
A causa del franco forte, i prezzi della Posta, nel confronto internazionale, hanno ottenuto un risultato leggermente peggiore degli anni precedenti.  La soddisfazione della clientela ha totalizzato 80 punti su un massimo di 100, restando al livello dei due anni precedenti. Nelle attività principali (lettere, pacchi, traffico dei pagamenti e servizi di autopostali) la Posta è riuscita a mantenere invariate le proprie quote di mercato. Si è però registrata un’ulteriore diminuzione delle lettere recapitate (-1,4% rispetto al 2014) e dei giornali (-3,8%). Il trasporto di pacchi è aumentato del 3,2 per cento grazie all'e-commerce (ordinazioni su Internet). Per rispondere alle nuove esigenze, la Posta offre sempre più ai propri clienti la possibilità di gestire autonomamente il recapito degli invii (sportelli automatici My Post 24, punti PickPost, recapito serale).

Utile del gruppo: 645 milioni di franchi
Il ricavo d'esercizio è diminuito di 147 milioni di franchi rispetto all'anno precedente. L'utile del gruppo è pari a 645 milioni di franchi con un incremento di 7 milioni rispetto all'anno precedente, soprattutto in ragione di migliori valori contabili nel mercato dei servizi finanziari. Nel settore «uffici postali e vendita» si è registrato un risultato peggiore dello scorso anno, riconducibile in particolare alla contrazione delle operazioni allo sportello (lettere, pacchi e traffico dei pagamenti). Tutti gli altri settori presentano risultati positivi. Per quanto concerne le cooperazioni e partecipazioni, la redditività delle società estere continua a essere nettamente inferiore a quella del gruppo.  Il Consiglio federale si attende un miglioramento a questo riguardo. Gli utili distribuiti alla Confederazione sono stati pari a 200 milioni di franchi.

Elevata soddisfazione tra i collaboratori
La soddisfazione del personale è da anni a livelli elevati. transfair è ansioso di sapere se i contratti collettivi di lavoro di Posta CH SA, AutoPostale SA e PostFinance SA, entrati in vigore il 1° gennaio 2016, avranno effetti sulle prossime statistiche relative alla soddisfazione tra i collaboratori.

 

Ambiti d'impiego
La Posta Svizzera