Sondaggio tra il personale della Posta: le discussioni sui singoli minano la fiducia

Sondaggio tra il personale della Posta: le discussioni sui singoli minano la fiducia © transfair
30.09.2016

Nonostante, in base agli ultimi sondaggi, il grado di soddisfazione del personale sia ancora elevato, delle nubi nere cominciano a stagliarsi all’orizzonte. Il motivo va ricercato nell’incompleta implementazione della fase di processo successivo.

Garantita la riservatezza nel sondaggio tra il personale
La Posta ci ha ribadito più volte che l’esecuzione del sondaggio tra il personale non avrebbe indotto a trarre conclusioni sui singoli e che la riservatezza sarebbe stata rispettata. Essa, infatti, è importante perché fa sì che ogni persona possa esprimersi liberamente senza doversi preoccupare delle conseguenze di dichiarazioni rese in tutta onestà. Tale sondaggio è condotto da un istituto di consulenza e di ricerca esterno. A nostro avviso, questo processo e la relativa stesura dei risultati si sono svolti con successo. Tuttavia, alcuni commenti dei membri ci stupiscono negativamente. Ritengono infatti che parlare dei risultati all’interno dei singoli team metta in discussione questo clima di fiducia o addirittura lo mini nel profondo.

Discussione sui risultati all’interno dei team
I responsabili delle unità organizzative hanno l’incarico di comunicare i risultati del sondaggio entro la fine di novembre e di discuterli all’interno dei team. Tuttavia, abbiamo ricevuto dei feedback secondo i quali la direzione si sarebbe spinta troppo oltre. Gli interrogatori incentrati sulla singola persona durante le riunioni dei team avrebbero messo in discussione la riservatezza e, di conseguenza, l’intero sondaggio. Questo è inaccettabile!

Consigliamo pertanto ai nostri membri di discutere i punti all’ordine del giorno solo in modo generale e di non rendere nota la propria posizione in merito. Si potrebbe addirittura affermare che questo modo di procedere errato vanifica la realizzazione di un sondaggio tra il personale. Se anche tu hai vissuto una situazione di questo tipo, ti preghiamo di comunicarlo all’indirizzo info@transfair.ch. In questo modo potremo intervenire concretamente presso la Posta e garantire che tutte le categorie interessate adeguino il loro modo di operare.

L’analisi dettagliata dei risultati del sondaggio è ancora in pieno svolgimento. Ti presenteremo i risultati con la nostra interpretazione nel mese di ottobre.
Ambiti d'impiego
La Posta Svizzera