Ripartono le trattative sul CCL

Ripartono le trattative sul CCL © Post
24.10.2014

Le trattative sul nuovo CCL riprenderanno il 29 ottobre: è questo l’accordo a cui sono giunti i vertici della Posta e dei sindacati. L’entrata in vigore del nuovo testo contrattuale è prevista per inizio 2016. transfair accoglie con favore la ripresa delle trattative e si impegnerà con tutte le sue forze per una conclusione positiva di queste ultime.

Mediante il seguente comunicato, la Posta, transfair e Syndicom informeranno tutte le collaboratrici e i collaboratori postali sulla ripresa delle trattative.

 

A fine maggio, syndicom aveva deciso di interrompere le trattative CCL in corso al fine di discutere e consolidare le proprie posizioni nei suoi organi interni. La Posta e l’associazione del personale transfair avevano espresso la volontà di proseguire le trattative secondo il calendario stabilito; transfair ha sfruttato questo lasso di tempo per procedere a un’analisi interna dei risultati intermedi raggiunti finora.

 

Nuove rivendicazioni

All’inizio di ottobre, il sindacato syndicom e l’associazione del personale transfair hanno presentato alla Posta le loro nuove condizioni per il prosieguo delle negoziazioni. I sindacati desiderano ridiscutere alcuni aspetti, quali il «tempo di lavoro» e il «sistema di rimunerazione». La Posta prende atto di tali richieste. L’obiettivo dell’azienda nell’ambito delle trattative rimane invariato: la Posta intende, infatti, restare anche in futuro un datore di lavoro sicuro e affidabile e offrire condizioni di lavoro eque.

 

Introduzione del nuovo CCL prevista per inizio 2016

Originariamente il nuovo CCL avrebbe dovuto entrare in vigore il 1o luglio 2015, ma a causa della sospensione delle trattative la data è stata posticipata. I vertici della Posta e dei sindacati si sono prefissati di introdurre il nuovo testo contrattuale il 1o gennaio 2016.


Nel secondo trimestre del 2015 la Posta e le parti sociali presenteranno i risultati delle negoziazioni ai relativi organi per la ratifica.

 

Fino all’entrata in vigore del nuovo CCL le condizioni d’impiego per il personale non subiranno modifiche: i rapporti di lavoro in essere saranno mantenuti integralmente senza