PostMail: dialogo alla pari

PostMail: dialogo alla pari © La Posta Svizzera
18.05.2019

transfair intrattiene uno scambio attivo con la direzione di PostMail. Il sindacato affronta argomenti scottanti e si impegna a favore di soluzioni vantaggiose per il personale.

PostMail ha ripetutamente dimostrato che è in grado di risparmiare sui costi. L’aumento della pressione nel recapito mostra tuttavia che prima o dopo giungerà il momento in cui le risorse umane saranno completamente spremute. La premessa per gli eccezionali tempi di consegna e l’ottima qualità offerta alla clientela sono però collaboratori motivati.

Volumi delle lettere
Con un -5,2 per cento, il volume delle lettere indirizzate Svizzera è ulteriormente calato. Questa riduzione porta di conseguenza anche a una diminuzione del fatturato. Il risultato di PostMail è però tuttora stabile. Ciò è dovuto soprattutto a alla sovracompensazione delle perdite di fatturato da parte del recapito, dell’accettazione e della spartizione e alla riduzione delle spese. Anche nel 2019 la pressione sui costi rimarrà molto elevata, soprattutto per quanto concerne i costi strutturali.

Brevi impieghi di personale
A transfair viene spesso chiesto, se i collaboratori della Posta possono essere assegnati e chiamati per brevi impieghi di sole due ore. In base al CCL è impossibile rispondere in maniera univoca: la risposta dipende dal tasso d’occupazione. Per tutti coloro che sono impiegati al 60 per cento la risposta è no. Perché? Per i collaboratori occupati a un tasso d’occupazione del 100 per cento, il tempo di lavoro giornaliero deve ammontare ad almeno 3,5 ore.

Giorni di vacanze per i giorni festivi
Il CCL sancisce che le festività di oltre 9 giorni devono essere indennizzate mediante una compensazione del tempo. transfair è del parere che ridurre i giorni di vacanze per compensare non è conforme al CCL e che necessita di una verifica in seno a PostMail per scoprire se sia la norma o un’eccezione. 

Scanner
Per quanto riguarda gli scanner, ci sono vari aspetti che portano ad errori: da una parte i guasti informatici presumibilmente dovuti a problemi dell’hardware. Dall’altra si pone la domanda del lavoro gratuito generato dai ripetuti login e logout in caso di problemi, i quali fanno sì che i collaboratori perdano diversi minuti al giorno. Un’indagine voluta da transfair stabilirà se ciò sia dovuto all’utilizzo o al software.

Recapito
Anche PM5 è alle prese con svariati problemi. Per quanto riguarda il fabbisogno di personale, ad esempio, va considerata una riduzione del volume. A causa delle classi dei baby-boomer vi è però un accresciuto numero di collaboratori che, a causa dei pensionamenti, esce dal processo di lavoro. È stato anche constatato che si dovevano distribuire meno pezzi, ma che il volume è maggiore (merci di piccole dimensioni). In rapporto al mantenimento dell’efficienza sono stati definiti sei moduli che ora saranno attuati mediante una sensibilizzazione dei quadri dirigenti. 

Accettazione e spartizione
Nel 2019 diversi progetti e futuri temi quali SAB, Mix-Mail, invii di ritorno, ecc. terranno fortemente occupati PM4 e dovranno tenere conto di un futuro piano logistico di ordine superiore. Inoltre, si intende anche rafforzare la collaborazione e la sintonizzazione di processi tra i diversi settori all’interno di Posta CH SA, ma anche con Swiss Post Solutions.

Verifica dei risultati del team di gestione
Dal gennaio 2017, tutti i team dei centri vengono diretti dai cosiddetti team di gestione. Fino alla fine del 2018 i vice responsabili delle equipe sono stati formati nel quadro di un programma di promozione. La verifica dei risultati per rendere operativi i team di gestione presso PM4 ha avuto esito positivo. PM4 ha pertanto deciso di attuare l’innalzamento della classificazione concordata con i partner sociali a partire dal 1° luglio 2019. 

Abbigliamento da lavoro
Analisi effettuate in seno a PM4 dimostrano che, per quanto riguarda l’assortimento parziale «Accettazione e ripartizione», nel 2018 più della metà dei collaboratori non ha ordinato gli indumenti di lavoro, mentre un terzo ha sfruttato appieno questa possibilità. Si presuppone che i collaboratori riscontrino difficoltà nel processo di ordinazione, il quale ora sarà sottoposto a verifica. Probabilmente i collaboratori non sanno che si può ordinare nel corso dell’anno oppure la maggior parte attende un avviso. transfair chiede che almeno una volta all’anno i responsabili dei team informino attivamente il personale della possibilità di ordinare il proprio abbigliamento da lavoro.

Collaboratori temporanei PM4/PM5
Il numero di collaboratori temporanei è di nuovo aumentato a causa del disbrigo dei volumi d’importazione e dell’orientamento sui previsti effetti dei progetti. transfair chiede che il personale temporaneo sia regolarmente assunto a tempo indeterminato dopo un anno. Presso PM4 la quota di collaboratori temporanei è di poco superiore al 10 per cento, presso PM5 è inferiore all’1 per cento.

Ambiti d'impiego
PostMail