Nuovo CCL SPS: Le parti sociali concludono le trattative

Nuovo CCL SPS: Le parti sociali concludono le trattative
05.07.2019

Il sindacato transfair è riuscito a negoziare un CCL decisamente migliore. Dopo intense discussioni, le trattative per il CCL SPS si sono concluse con successo. I miglioramenti a favore dei dipendenti, come la normativa sull'annullazione degli impieghi di lavoro e gli accordi sociali, mostrano un netto miglioramento rispetto alla situazione attuale. L’entrata in vigore del nuovo CCL è prevista per il 1o gennaio 2020.

In considerazione delle esigenze del personale, così come di quelle del datore di lavoro, le parti sociali promuovono un costante sviluppo del CCL esistente mediante soluzioni eque e condivise.
 

Panoramica delle principali modifiche

Prolungamento dei termini di disdetta in caso di perdita del posto di lavoro
Nel nuovo CCL sono previsti termini di disdetta più lunghi per quei casi in cui motivi di carattere economico o di organizzazione aziendale mettono a rischio il mantenimento del posto di lavoro. In linea di massima, quanti più sono gli anni di servizio prestati presso SPS / il gruppo Posta o quanto maggiore è l’età del collaboratore o della collaboratrice, tanto più lungo è il termine di disdetta (fino a 10 mesi).


 
Estensione des campo d’applicazione
Il nuovo CCL SPS si applica anche ai collaboratori e alle collaboratrici assunti con un salario a ore e ai collaboratori e alle collaboratrici con un grado di occupazione di almeno il 10%.
 
Revoca di impieghi di lavoro
Qualora intervenga una revoca o una riduzione dell’impiego di lavoro a meno di 48 ore prima di quanto pianificato e qualora i collaboratori / le collaboratrici desiderino comunque prestare il lavoro secondo il piano di impiego, nel nuovo CCL, laddove il motivo della revoca o della riduzione sia addebitabile al datore di lavoro, il lavoro corrispondente si considera come prestato. In questo modo si vuole garantire una maggiore possibilità di pianificazione, anche per il personale (finora il termine era di 24 ore).
 
Corsi di perfezionamento come parte integrante stabile del Focus
La possibilità di frequentare corsi di perfezionamento per collaboratori e collaboratrici sarà rafforzata e costituirà un elemento imprescindibile dei colloqui Focus.
 
Salario minimo
Il salario minimo è ora fissato a 52’000 franchi.
 

Pasi successive


Il risultato delle trattative sarà ratificato e confermato dai rispettivi organi decisionali di tutte le parti sociali in causa entro e non oltre la fine di agosto. Il nuovo CCL sarà recapitato al personale nell’autunno del 2019. Al contempo, collaboratori e collaboratrici riceveranno anche ulteriori informazioni, in particolare riguardo alle modifiche rispetto al CCL attuale.
Ambiti d'impiego
Presto SA, SPS AG