Negoziato il nuovo CCL IMS

Negoziato il nuovo CCL IMS © Boudewij Huysmans/Unsplash
05.07.2019

Si sono concluse con successo le trattative tra i partner sociali sul nuovo contratto collettivo di lavoro (CCL) IMS che entrerà in vigore nel 2020. transfair si rallegra delle aggiunte apportate al CCL a favore dei collaboratori.

Dato che l’attuale CCL scadrà alla fine del 2019, negli ultimi mesi sono state rinegoziate le condizioni d’impiego. «Dopo trattative intense abbiamo potuto raggiungere un risultato importante per i collaboratori» riferisce Susanna Meierhans, responsabile per il partenariato sociale IMS e segretaria regionale presso transfair.
 
Al contratto collettivo saranno apportate delle aggiunte a favore dei collaboratori, le rimanenti condizioni resteranno invariate. Qui di seguito sono riportate le principali modifiche e gli essenziali supplementi a partire dal 1° gennaio 2020.
  • Pause pagate
    L’attuale CCL, valido fino al 31 dicembre 2019, prevede che in caso di un tempo di lavoro pianificato ininterrotto di almeno 3,5 ore, i collaboratori abbiano il diritto a una pausa pagata di 15 minuti. Grazie al nuovo CCL, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2020, i collaboratori avranno diritto a una seconda pausa retribuita di 15 minuti, a condizione che il lavoro giornaliero ammonti ad almeno 7 ore. Con questo e stato dato retta alla rivendicazione per più tempo di ricreazione.
  • Rimborso spese
    Grazie al nuovo CCL, i collaboratori del servizio esterno otterranno un rimborso spese forfettario di 100 franchi, con cui saranno saldate tutte le spese di vitto fino a 10 franchi. A partire dal 2020, questo rimborso ammonterà a un totale percettibilmente elevato di 250 franchi.
    Anche ai collaboratori di norma non attivi nel servizio esterno, in caso di prestazioni lavorative fuori sede, a partire dal 2020 sarà concesso un rimborso spese: fino a 10 franchi per la colazione, fino a 17 franchi per pasto per pranzi e cene.
    Dal 2020 sarà abolita l’app spese IMS e di conseguenza semplificato l’apposito conteggio anche per i collaboratori.
  • Formazione continua
    I collaboratori avevano già in passato e continueranno ad avere anche in futuro il diritto e il dovere di formarsi. Le formazioni continue ordinate da IMS erano considerate orario di lavoro e pertanto finanziate dalla società. A partire dal 2020, i collaboratori avranno in più la possibilità di presentare al superiore una domanda di sostegno per una formazione continua (sotto forma di tempo o denaro). In caso di rifiuto, potranno rivolgersi al responsabile delle risorse umane che prenderà una nuova decisione. Un eventuale rifiuto dovrà essere motivato e comunicato per iscritto. In tal modo saranno rinforzate sia l’acquisizione di competenze che l’occupabilità.
  • Accordo sociale
    Un nuovo essenziale miglioramento è rappresentato dall’aumento dell’indennità versata in base all’età e agli anni di servizio secondo l’accordo sociale che in casi specifici porterà a delle buonuscite.
Confronto indennità di buonuscita in base all’età e agli anni di servizio


Il nuovo CCL IMS entrerà in vigore il 1° gennaio 2020 per tutti i collaboratori di IMS e IMSClean ivi sottoposti. Tuttavia, prima dovrà essere approvato da tutti gli organi decisionali. Dopo la definitiva sottoscrizione, il CCL IMS sarà pubblicato in Intranet.

Per informazioni più dettagliate, si prega di rivolgersi a:
Susanna Meierhans, segretaria regionale transfair regione Centro, tel. 031 944 41 38, e-mail : susanna.meierhans@transfair.ch
Ambiti d'impiego
La Posta Svizzera, IMS SA