Misure salariali Posta CH SA: successo di transfair ai negoziati

Misure salariali Posta CH SA: successo di transfair ai negoziati © transfair di sinistra a destra Albane Bochatay, René Fürst, Martin Carmenisch, Werner Rüegg
20.02.2018

Nel quadro delle trattative salariali con Posta CH SA, transfair è riuscito a raggiungere un ottimo risultato. Un’aspra lotta, una tattica intelligente e un’argomentazione persuasiva alla fine hanno portato a una soluzione accettata da tutte le parti coinvolte che prevede diversi sostanziali miglioramenti. La massa salariale subirà un aumento dell’1 per cento e il personale percepirà versamenti unici fino a 600 franchi.

Le intense negoziazioni salariali dei partner sociali per il personale della casa madre si sono concluse dopo la terza tornata. Le misure interessano 27’500 collaboratori; l’attuazione avverrà con il salario d’aprile.
 
Risultati 2018:
  • l’1 per cento della massa salariale sarà impiegato per misure individuali per i collaboratori nella fascia salariale. La ripartizione comprende una componente obbligatoria (50 per cento) e una individuale (50 per cento). Entrambe le componenti sono integrate nello stipendio e pertanto durature. Il collaboratore ha diritto all’aumento a condizione che la valutazione raggiunga almeno un «buono».
  • versamento unico di 350 franchi in rapporto al tasso d’occupazione per i collaboratori nella fascia salariale o di 600 franchi in rapporto al tasso d’occupazione per il personale al di sopra della fascia salariale;
  • le fasce salariali saranno aumentate dello 0,5 per cento a seguito del rincaro.
Anche nel confronto nazionale, transfair ritiene vantaggiose le misure salariali raggiunte, perché:
  • più della metà di questi provvedimenti è duraturo e integrato nel futuro salario;
  • in tal modo viene rafforzata anche la situazione previdenziale del 1° e 2° pilastro;
  • l’elevato versamento unico a favore dei collaboratori fedeli con molti anni di servizio alle spalle, i quali si trovano al di sopra della fascia salariale e il cui stipendio da anni non ha più subito aumenti, è il giusto riconoscimento per l’impegno dimostrato;
  • la parte obbligatoria raggiunta garantisce prospettive di sviluppo anche negli anni a venire per il 75 per cento dei collaboratori che si trovano all’interno della fascia salariale, a condizione che la prestazione in questione sia stata valutata per lo meno con un «buono». Nel 2017 più del 93 per cento dei collaboratori hanno soddisfatto questo criterio;
  • il divario salariale viene colmato più rapidamente, più sono bassi i salari nella fascia salariale, il che, di conseguenza, ne va anche a beneficio dei collaboratori giovani;
  • i collaboratori all’interno della fascia salariale beneficiano del fatto che la somma salariale di coloro che si trovano al di sopra della fascia venga anche in parte considerata per il calcolo. Di conseguenza, aumenta la somma da ripartire;
  • a causa dell’innalzamento delle fasce salariali dello 0,5 per cento, i collaboratori al di sopra della fascia, nell’anno successivo potrebbero passare di nuovo all’interno di quest’ultima e approfittare così di ulteriori misure;
  • il versamento unico attenua gli aumenti dei premi delle casse malati;
  • il rincaro dello 0,5 per cento del 2017 viene coperto per intero.
Le negoziazioni per il personale di PostFinance SA, AutoPostale SA nonché quello di Posta Immobili Management e Servizi SA, SecurePost SA, Swiss Post Solutions SA e PostLogistics SA sono tuttora in corso.
Ambiti d'impiego
La Posta Svizzera