Misure di accompagnamento al progetto «Victoria 2020» – successo negoziale di transfair

Misure di accompagnamento al progetto «Victoria 2020» – successo negoziale di transfair © transfair
08.08.2018

Già dal 1° marzo 2017 è noto che PostFinance intende riposizionarsi con «Victoria 2020». Sono previsti tagli di 500 posti di lavoro. Circa 800 collaboratori ne sono interessati. Dalla procedura di consultazione non sono emerse soluzioni alternative. Il 6 agosto 2018, la direzione ha pertanto preso le debite decisioni sul proseguimento del progetto e approvato le misure d’accompagnamento al piano sociale.

La procedura di consultazione concernente «Victoria 2020» ha offerto soprattutto ai collaboratori di PostFinance l’opportunità di presentare proposte convincenti per indurre la direzione di PostFinance a riconsiderare il progetto. Il 16 luglio 2018, si è conclusa la procedura di consultazione. Con la decisione del 6 agosto, la direzione di PostFinance è arrivata alla conclusione che le proposte inoltrate non sono sufficienti per fermare «Victoria 2020». Nella stessa occasione, la direzione ha approvato l’accordo «Misure d’accompagnamento al piano sociale» co-negoziato da transfair.
 
Dopo intensi negoziati, il sindacato è riuscito a raggiungere importanti miglioramenti per il personale interessato dai tagli. Ecco in breve i punti cardine.
  • Le misure d’accompagnamento sono applicate in complemento al piano sociale.
  • L’offerta relativa al pensionamento anticipato sarà proposta nel piano sociale a tutte le persone potenzialmente interessate dal progetto Victoria nonché ai collaboratori direttamente interessati.
    • I collaboratori che il 1° gennaio 2019 avranno almeno 58° anni, avranno diritto al prepensionamento.
    • Ai collaboratori che entro il 31.12.2020 avranno 58 anni, a partire da 58 anni spetterà la pensione anticipata.
    • L’aumento di capitale della cassa pensioni ammonta, indipendentemente dal sesso e in funzione del tasso d’occupazione, a 133’200 franchi e sarà versato direttamente all’istituto di previdenza. I collaboratori con un tasso d’occupazione (TO) inferiore al 50 per cento otterranno un importo forfettario di 66’600 franchi. Tutti coloro che lavorano a un TO inferiore al 50 per cento ci guadagnano, in quanto ricevono la stessa prestazione come se lavorassero a oltre il 50 per cento. Questo punto è importante per le persone con contratti a tempo parziale con un basso capitale previdenziale.
    • Chi decide di optare per il prepensionamento entro il termine prestabilito otterrà in aggiunta un versamento in contanti di 10’000 franchi, in caso di un TO inferiore al 50 per cento la somma ammonterà invece a 5’000 franchi. L’importo è in ogni caso soggetto alle assicurazioni sociali.
  • I collaboratori per i quali, a causa delle misure legate a Victoria, trova già applicazione il pacchetto di prestazioni «1» e per i quali grazie alle misure d’accompagnamento si spiana la strada a un prepensionamento, possono passare al rispettivo pacchetto senza incorrere in perdite.
  • D’ora in poi, chi perde il lavoro, a livello organizzativo passa al Centro di riorientamento (CeRi). L’obiettivo è di offrire ai collaboratori una struttura, promuoverli nell’ulteriore sviluppo, sostenerli nel processo di candidatura e fare tutto il possibile, affinché possano essere reintegrati in una società del gruppo. Durante questo periodo, continuano a trovare applicazione l’attuale contratto di lavoro individuale e il CCL di PostFinance.
  • PostFinance rinuncia a una riduzione dello stipendio in base al CCL mantello cifra 5.2 capoverso 2.
  • Il budget di 15’000 franchi per persona previsto dal pacchetto di prestazioni «1» del piano sociale CCL per la formazione e formazione continua viene messo a disposizione a condizione che siano soddisfatti determinati principi.
  • I collaboratori che non si candidano per un posto di lavoro hanno comunque diritto al piano sociale.
     
transfair non molla
transfair è convinto che, grazie a questo accordo, per i diretti interessati si aprono nuove possibilità per compensare con efficacia la perdita del posto di lavoro. In veste di membro del gruppo direttivo paritetico, il sindacato sorveglierà l’attuazione delle misure d’accompagnamento fino alla scadenza dell’accordo il 31 dicembre 2020.
 
In caso di domande, i diretti interessati possono rivolgersi ai loro superiori. Per un accompagnamento o una consulenza rimangono a disposizione i segretariati regionali di transfair.
Ambiti d'impiego
PostFinance SA