La riduzione dei posti di lavoro presso DMC colpisce i dipendenti a basso reddito

La riduzione dei posti di lavoro presso DMC colpisce i dipendenti a basso reddito
26.09.2019

Ad agosto 2019 la Direct Mail Company (DMC) ha comunicato di essere costretta, a causa delle condizioni economiche particolarmente difficili, a ottimizzare la propria pianificazione e i propri processi. transfair ha partecipato alla procedura di consultazione. Il sindacato lamenta il fatto che questa procedura non abbia prodotto risultati concreti e che pertanto si procederà a una riduzione di posti di lavoro.

Nell’ambito della procedura di consultazione, transfair ha espresso nel dettaglio il proprio punto di vista: nella sua presa di posizione ha dichiarato che le trasformazioni volute dalla DMC avranno conseguenze decisive su gran parte degli addetti al recapito a tempo parziale di stampati pubblicitari. transfair deplora il fatto che DMC riduca posti di lavoro di persone che dipendono da un reddito supplementare per potersi mantenere. Il sindacato aveva sperato che le sue idee venissero ascoltate.
 
Nuovo piano sociale per i dipendenti della DMC
Tuttavia c’è un aspetto positivo: le parti sociali si sono accordate su un piano sociale che – considerate le circostanze – contiene elementi volti a garantire la riduzione dei posti di lavoro nel modo più socialmente sostenibile possibile. Nella fase di mutamento sopra citata, transfair si assicurerà che siano rispettate le condizioni quadro concordate e rimarrà sempre al fianco dei propri associati. Inoltre, il sindacato si prepara a negoziazioni CCL lungimiranti che avranno inizio quest’anno.