transfair condanna i tagli prospettati per il personale federale

transfair condanna i tagli prospettati per il personale federale ©transfair
08.05.2015

transfair condanna l'intenzione del Consiglio federale che prevede un risparmio di 165 milioni di franchi sul personale federale. La sua condiscendenza nei confronti delle pressioni esercitate dai partiti borghesi fa aumentare la pressione sui collaboratori dell'Amministrazione e mette inutilmente e negligentemente a rischio l'elevata qualità del servizio pubblico.

In febbraio il capo del DFF Eveline Widmer-Schlumpf aveva reso noto che le spese per il personale dovevano essere limitate a un importo massimo pari a quello previsto dal preventivo del 2015 – il che equivale a una riduzione di 106 milioni di franchi. Ora il Consiglio federale torna alla carica con minacce di tagli pari a 165 milioni di franchi. transfair condanna queste intenzioni con tutta fermezza.

Da anni la quota dei costi per il personale rispetto alle spese globali si attesta stabilmente ad una percentuale tra l'8 e l'8,5 per cento. Laddove sono nati posti di lavoro ciò è avvenuto anche grazie al fatto che al contempo sono stati creati compiti supplementari – per esempio nell'ambito della migrazione. Con tutta la buona volontà possibile e immaginabile è tutt'altro che comprensibile come si possa condurre un tale attivismo.

Già oggi la pressione sui collaboratori dell'Amministrazione federale è enorme. Le misure già avviate, come ad esempio i ritardi nell'occupazione di posti vacanti, pesano negativamente sui collaboratori rimanenti e mettono a rischio la fornitura delle prestazioni. I provvedimenti di risparmio annunciati di recente faranno aumentare ancora di più questa pressione. Oltre a ciò, senza la riduzione dei servizi non possono essere realizzati. In tal modo si metteranno a repentaglio anche misure quali l'internalizzazione di posti di lavoro esterni. Tutto questo non ha niente a che vedere con una pianificazione del personale lungimirante.

Giorno dopo giorno, i 38'000 collaboratori dell'Amministrazione federale svolgono un lavoro straordinario, contribuendo in tal modo notevolmente al benessere economico del nostro paese. Che i partiti borghesi esercitino pressione sulle spese del personale non è una novità. La condiscendenza da parte del Consiglio federale, che si sta conformando a questa posizione, però, lascia ai 38'000 collaboratori dell'Amministrazione federale l'amaro in bocca e non è altro che un segnale di mancata stima.
Ambiti d'impiego
Amministrazione pubblica, DFI, Ufficio federale della sanità pubblica, Ufficio federale di statistica , DDPS, DFF, DFGP, SEM