transfair a colloquio con il capo dell’esercito

transfair a colloquio con il capo dell’esercito © Schweizer Armee
06.07.2021

L’esercito è in costante evoluzione. Durante l’incontro delle parti sociali, il capo dell’esercito (CEs), il comandante di corpo Thomas Süssli, ha mostrato a transfair gli attuali sviluppi. Le parole chiave sono New Work e militari di professione 4.0. La digitalizzazione non si ferma nemmeno davanti all’esercito ed è per questo che dal 2024 sarà istituito il Comando Cyber (Cdo).

Il 15 giugno 2021, transfair si è riunito con il CEs in occasione dell’incontro delle parti sociali per discutere delle sfide attuali del gruppo Difesa. Durante questa riunione, il CEs ha illustrato lo stato dei lavori della «Visione Difesa 2030». Aspetti importanti a tal proposito sono la digitalizzazione e il personale.

New Work anche nell’esercito

L’esercito vuole riconsiderare il suo ruolo di datore di lavoro. All’insegna della parola chiave New Work, il datore di lavoro deve modernizzarsi e aprirsi ai nuovi modelli di gestione e di lavoro. Un vero e proprio cambiamento culturale, lontano dalle gerarchie tradizionali e dalle rigide linee di servizio, con meno leadership mediante incarichi, per un orientamento più moderno e agile. Dal punto di vista di transfair, un progetto interessante e importante con un potenziale effetto positivo sulle condizioni di lavoro dei collaboratori.
 
transfair è anche curioso di vedere se i nuovi e adattati strumenti di gestione attualmente in fase di test, come Feedback 360° e LOBE 4.0, saranno in grado di affermarsi. Tutti e due gli strumenti appaiono promettenti e offrono il potenziale per sostenere il cambiamento culturale necessario per modernizzare le condizioni di lavoro.

Profilo professionale 4.0 a buon punto

I lavori sul nuovo profilo professionale dell’esercito di professionisti procedono in una direzione simile. Mediante il profilo professionale 4.0 per queste categorie di personale si prevedono di adattare maggiormente le condizioni di lavoro alle circostanze e alle esigenze odierne del datore di lavoro e dei collaboratori. Anche questo progetto gode del sostegno di transfair. Nel quadro di soundingboards, il sindacato ha la possibilità di partecipare in modo concreto al progetto. Nonostante nel frattempo all’interno del progetto sia stata presa una decisione di principio, non sono ancora disponibili risultati e decisioni di una certa concretezza.

Cdo Cyber in preparazione

Non solo le culture e i profili professionali si stanno modernizzando: anche le minacce si evolvono e richiedono nuove risposte ibride. Al fine di affrontare le sfide digitali della difesa nazionale, a partire dal 2024 è prevista l’istituzione del Cdo Cyber. A tale scopo è prevista una ripartizione: la Base d’aiuto alla condotta dell’esercito (BAC) si occuperà dell’attività principale esistente, mentre nel quadro di un processo che durerà diversi anni sarà istituito il nuovo Cdo Cyber.

Credito per il personale ridotto, ma nessuna misura di risparmio

In passato, transfair ha ripetutamente espresso timori circa eventuali misure di risparmio ai danni del personale dell’esercito. Come spiegato dal CEs, il credito per il personale è esaurito e pertanto non ci sarà alcun aumento dell’effettivo. Per i compiti nuovi, saranno trasformati singoli posti di lavoro. Il CEs ha però subito fatto rientrare l’allarme: non ci saranno tagli agli impieghi.
Ambiti d'impiego
DDPS