Il Consiglio federale annulla la partecipazione alla rendita transitoria

Il Consiglio federale annulla la partecipazione alla rendita transitoria © Comugnero Silvana/fotolia
16.11.2017

A partire dal 1° luglio 2018 sarà abolita la rendita transitoria per il personale federale. Chi in tale data avrà 60 anni o più continuerà a beneficiare della regolamentazione attualmente in vigore. In futuro, solo i collaboratori che svolgono un’attività professionale molto logorante e d’età superiore ai 62 anni ne avranno diritto. Rimarrà invece invariata l’attuale regolamentazione per questo tipo di rendita per le guardie di confine, i militari di professione e il personale trasferibile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Con la decisione presa il 15 novembre 2017, il Consiglio federale abolisce il diritto generale a una partecipazione del datore di lavoro alla rendita transitoria. Questo provvedimento è dovuto al programma di stabilizzazione 2017-2020, già all’epoca duramente criticato da transfair.

Questo diritto, sancito dall’articolo 88f dell’ordinanza sul personale federale, finora garantiva a tutti i collaboratori, in base all’età e alla classe salariale, una partecipazione del datore di lavoro al finanziamento della rendita transitoria. D’ora in poi, il diritto sarà limitato alle funzioni molto onerose e l’età minima innalzata a 62 anni.

La revisione entrerà in vigore il 1° luglio 2018. A tutti i collaboratori che in tale data avranno compiuto 60 anni o più si applicheranno le regolamentazioni finora in vigore, ovvero il diritto generale a partire da 60 anni d’età e per tutte le funzioni.

Rivendicazione a favore delle attività professionali in ambito di sicurezza
L’elenco preciso, con le funzioni che garantiranno anche in futuro una rendita transitoria, sarà stilato dall’Ufficio federale del personale in collaborazione con i dipartimenti e con la consultazione dei sindacati. transfair presterà particolare attenzione affinché si tenga conto anche delle professioni nell’ambito della sicurezza, come ad esempio delle attività che prevedono l’impiego di armi, munizioni ed esplosivi.

Nessun cambiamento per le guardie di confine
Il diritto alla rendita, compreso il finanziamento della rendita transitoria delle particolari categorie di personale, ovvero delle guardie di confine, dei militari di professione e del personale trasferibile del DFAE, non sarà interessato dalle misure. Questi diritti sono disciplinati in un’ordinanza distinta. La decisione del Consiglio federale non avrà dunque alcun impatto su queste regolamentazioni. Le rendite transitorie di tali categorie rimarranno pertanto invariate.
Ambiti d'impiego
Amministrazione pubblica