Centro logistico dell'esercito in trasformazione

Centro logistico dell'esercito in trasformazione © VBSD/DPS
14.04.2016
In febbraio, il Centro logistico dell'esercito Monteceneri (CLE-M), responsabile per i Cantoni Uri e Ticino, ha invitato a una riunione sul rapporto annuale. Obiettivo dell'incontro: rafforzare la coesione tra i collaboratori su entrambi i versanti del San Gottardo.

Questa coesione sarà di grande importanza in vista del futuro sviluppo in seno alla Base logistica dell'esercito (BLEs) la quale deve prepararsi ad affrontare tempi burrascosi: saranno infatti soppressi 250 posti di lavoro.

Tagli d'impieghi anche nel CLE-M
Anche il CLE-M sarà costretto a fare sacrifici: in questo caso sono 17 i posti di lavoro a dover essere ridotti a causa delle misure di risparmio. I tagli interessano tra l'altro anche il Centro dello sport dell'esercito di Andermatt (CSEA) dal quale la BLEs intende ritirarsi.

Il divisionario Thomas Kaiser, capo della BLEs, assicura che le riduzioni di personale avverranno senza dover ricorrere a licenziamenti. Ciononostante, ci tiene ad avvertire i suoi collaboratori che il 2016 sarà un anno tutt'altro che facile.

La sfida USEs
Oltre alla riduzione dei posti di lavoro, è in programma anche il passaggio all'USEs (Ulteriore sviluppo dell'esercito). Prima della messa in vigore, c'è ancora molto da fare a causa della prevista riorganizzazione del personale.

Il divisionario Thomas Kaiser è consapevole dell'importanza che ricoprono i collaboratori: «Dipendo da voi». Perché un progetto di tale portata è realizzabile solo con collaboratori ben motivati.
 
Ambiti d'impiego
DDPS